Arriva da molto lontano questo metodo per risparmiare tantissima acqua ogni giorno: super efficace

Si può risparmiare tantissimo sui consumi d’acqua adottando un sistema geniale che viene direttamente dal Giappone.

L’Italia è un paese con un’abbondante disponibilità di acqua, ma il consumo pro capite è uno dei più alti al mondo. Secondo i dati del Ministero della Transizione Ecologica, ogni italiano consuma in media 220 litri di acqua al giorno, di cui il 40% per uso domestico, il 40% per uso agricolo e il 20% per uso industriale.

eliminare sprechi acqua in bagno
Il bagno è il luogo in cui sprechiamo più acqua – tecnozoom.it

Il consumo domestico è principalmente destinato ad uso igienico-sanitario (70%), per usi alimentari (20%) e per altri usi (10%). Ne deriva che la maggior parte dell’acqua che utilizziamo ogni giorno in casa viene impiegata per lavarsi e per scaricare il water.

Non stupisce quindi se le istituzioni stanno applicando tutte le soluzioni possibili per sensibilizzare gli italiani sulla necessità di risparmiare risorse idriche per rendere il nostro comportamento più sostenibile e combattere le conseguenze del cambiamento climatico.

In tutto il mondo stanno venendo sviluppate soluzioni spesso molto ingegnose per tagliare questo tipo di consumi e, anche se molto lo fanno sicuramente le abitudini e l’educazione ecologica, ci sono anche innovazioni tecnologiche davvero geniali che possono fare la differenza.

Il sistema geniale per risparmiare acqua in bagno

In Giappone è stato brevettato una struttura igienica in cui un piccolo lavandino è posizionato al di sopra della cassetta del water. Questo lavandino, perfetto per lavarsi le mani dopo aver utilizzato il WC, permette di accumulare l’acqua di scarico nella cassetta dello sciacquone, quindi di riutilizzarla ogni volta che avremo bisogno di scaricare.

soluzione giapponese contro sprechi acqua bagno
Lo sciacquone a doppio pulsante è fondamentale – tecnozoom.it

Si tratta di un sistema tanto semplice quanto geniale che, se adottato su larga scala, magari anche nei bagni pubblici, permetterebbe di risparmiare moltissima acqua.

Giusto per fare qualche esempio, la quantità di acqua utilizzata per scaricare lo sciacquone dipende dal tipo di sciacquone e dal sistema di scarico utilizzato. In generale, gli sciacquoni tradizionali utilizzano tra i 9 e i 12 litri d’acqua per ogni scarico. Gli sciacquoni moderni, con cassetta incassata e doppio pulsante, consentono di scegliere tra uno scarico parziale (3-4 litri) e uno scarico completo (9-12 litri). In Italia però siamo piuttosto arretrati da questo punto di vista e il consumo medio è di circa 10 litri per ogni scarico.

Bisogna dire che i Giapponesi hanno un vero e proprio talento per le innovazioni applicate al gabinetto: nel Paese sono molto diffusi water iper tecnologici in grado di riprodurre musica per intrattenere chi sta usando il gabinetto ma anche per coprire eventuali rumori imbarazzanti o sgradevoli. Oltre a questo sono particolarmente diffusi e apprezzati water con getto d’acqua incorporato per il bidet che sono anche in grado di procedere a una perfetta asciugatura delle parti intime.

Impostazioni privacy