Pagobancomat o carta di credito, quale pagamento preferire e che differenza c’è tra i due

Non sono affatto uguali e ognuno ha delle caratteristiche differenti. Ecco quale pagamento preferire tra Pagobancomat o carta di credito

Negli ultimi anni il nostro Paese ha fatto – finalmente – passi da gigante in termini di innovazione tecnologica e supporti ai consumatore. Grazie a recenti misure legislative, infatti, nel nostro Paese è obbligatorio pagare con il Pos e, dunque, i pagamenti elettronici sono fortemente incentivati.

quale pagamento preferire tra bancomat o carta di credito
Ecco qual è il pagamento da preferire – Tecnozoom.it

Ma non tutti gli strumenti di pagamento a disposizione dei consumatori sono uguali. Ecco perché in questo articolo vogliamo mostrarti quale pagamento preferire tra Pagobancomat o carta di credito. Si tratta di due strumenti di pagamento piuttosto diffusi e particolarmente utili. Entrambi strumenti di pagamento elettronici, sono spesso a disposizione dei consumatori, “nello stesso portafoglio”.

Pagobancomat o carta di credito: quale preferire?

Ma sono in molti, nel momento in cui affrontare il pagamento, a chiedersi quale convenga davvero tra Pagobancomat e carta di credito. Le differenze non sono moltissime, ma possono essere comunque determinanti quando è necessario fare delle scelte precise. Scegliere una delle due soluzioni è importante per poter soddisfare al meglio le proprie necessità economiche e finanziarie. Vediamo quindi quale preferire tra le due opzioni.

quale pagamento preferire tra bancomat o carta di credito
Quali sono le maggiori differenze – Tecnozoom.it

Una delle differenze principali tra le due carte è quella dei tempi di addebito. Per il bancomat, infatti, sono previsti tempi di addebito immediato direttamente sul proprio conto corrente. Nella carta di credito, invece, l’addebito sarà posticipato, in quanto avviene in un secondo momento rispetto a quando si effettua il pagamento.

In questo caso, infatti, sarà la società che ha emesso la carta di credito ad anticipare (a credito, appunto) la somma spesa dall’utilizzatore. L’addebito della somma avviene solitamente a 30 giorni dal pagamento, oppure entro il 15 del mese successivo. Dunque, questo vuol dire che, a differenza della carta di credito, quando si effettua un pagamento con il bancomat è necessario avere i soldi sul proprio conto.

Un’altra differenza riguarda le commissioni per il prelievo al bancomat. Se per la carta di credito sono sempre previste delle commissioni, per il bancomat dipende dall’istituti Finanziario con cui si è deciso di stipulare l’accordo. Altra differenza è la possibilità di fare acquisti online.

Le carte di credito sono abilitate per acquistare prodotti sui vari e-commerce. Mentre chi possiede un bancomat dovrà controllare se il circuito richiesto per poter acquistare online è abilitato sulla tessera bancomat dell’istituto bancario con cui questa è stata stipulata.

Impostazioni privacy