Perché i giorni di lavoro si chiamano feriali? L’ossimoro che non ti aspetti

“Ferie” e “feriale” due termini molto simili nel suono ma opposti nel significato, ti sei mai chiesto perché? Te lo spieghiamo noi. 

Hai mai notato quanto sia strano chiamare i giorni lavorativi “feriali” quando il termine “ferie” è comunemente associato alle tanto attese vacanze? Se questa contraddizione linguistica ti ha fatto alzare un sopracciglio, sappi che non sei solo. La lingua italiana, con le sue sfumature e le sue radici antiche, ci offre una curiosa riflessione su quest’apparente paradosso.

perchè si dice feriale
Perché le parole ferie e feriale hanno significati opposti? (tecnozoom.it)

Per comprendere questa intricata rete di significati, dobbiamo fare un salto indietro nel tempo di almeno duemila anni, quando l’Impero Romano dominava la scena. In quei giorni, il termine latino “feria” designava il giorno dedicato alla celebrazione delle divinità.

Durante le feriae, era vietato tenere processi e convocare comizi. Questa antica tradizione si è trasformata nel concetto moderno, utilizzato al femminile plurale per indicare un periodo di riposo, tipicamente durante la stagione estiva. Quindi il legame tra “ferie” e il concetto di giorni festivi risale alle radici della nostra civiltà.

Perché si dice “feriale”

Ma allora, come mai utilizziamo “feriale” per descrivere i giorni lavorativi? Per rispondere a questa domanda, dobbiamo rivolgere lo sguardo al calendario dei cristiani. Nel linguaggio ecclesiastico, i “dies ferialis” rappresentavano i giorni della settimana in cui si commemorava un santo. Questi giorni erano distinti dal “dies Domini” (il giorno del Signore), ovvero la domenica. La settimana cristiana iniziava con la “feria secunda” (lunedì) e terminava con la “feria sexta” (venerdì).

da dove derivano ferie e feriale
Ferie e feriale risalgono agli antichi romani e al calendario ecclesiastico (tecnozoom.it)

Ecco risolto il mistero: “feriale” deriva dal diritto ecclesiastico, mentre “ferie” conserva il suo legame con l’antico latino dell’Impero Romano. Nonostante le due parole abbiano suoni simili, il loro significato è diametralmente opposto. “Ferie” evoca immagini di relax, viaggi e stacchi dalla routine quotidiana, mentre “feriale” ci riporta alla dura realtà dei giorni lavorativi.

Questo contrasto linguistico riflette la ricca storia culturale dell’Italia, dove le influenze religiose e la tradizione classica si intrecciano in una danza complessa di significati. È come se la lingua stessa ci raccontasse la storia della società italiana, dalle antiche celebrazioni romane ai giorni moderni, dove la vita lavorativa si mescola con il desiderio di pause rigeneranti.

La prossima volta che ti troverai a navigare tra giorni “feriali” durante un periodo di “ferie”, ricorda che dietro a quest’apparente paradosso si nasconde un affascinante viaggio attraverso la storia della lingua italiana e della società che essa riflette.

Impostazioni privacy