Privacy e sicurezza: cos’è e come funziona “l’autenticazione a due fattori”, tutti dovremmo usarla

Ecco cos’è e come funziona l’autenticazione a due fattori, il più potente alleato per proteggere la propria privacy e sicurezza.

Se anche voi siete interessati al campo del privacy e della sicurezza quando si naviga in rete, allora sarete sicuramente a conoscenza dei principali strumenti studiati dalle aziende per rendere il tutto il più possibile immune ad attacchi di hacker e cybercriminali. E si parte già dalle specifiche interne di smartphone e computer, che vantano sistemi sempre più avanzati fatti di codici alfanumerici e dati biometrici per evitare possibili sorprese spiacevoli.

Autenticazione a due fattori, tutto quello che dovete sapere
Cos’è e perché è importante l’autenticazione a due fattori – Tecnozoom.it

Se invece si scava più a fondo e ci si concentra sui nostri account personali dei social network e delle piattaforme di messaggistica, per fare qualche esempio, c’è un altro aspetto che merita la vostra attenzione e che chiunque dovrebbe utilizzare. Ossia l’autenticazione a due fattori, un vantaggio pazzesco che vi permetterà di tenere lontane le vostre informazioni da occhi indiscreti.

Autenticazione a due fattori: tutto quello che c’è da sapere

L’autenticazione a due fattori è di gran lunga uno degli strumenti più utili in assoluto quando si tratta di privacy e sicurezza personale navigando in rete. Resa disponibile gratuitamente da tutte le principali aziende e realtà che operano nel settore, dà la possibilità di aggiungere un tassello fondamentale nel “muro virtuale” che serve a proteggerci e ad evitare sorprese spiacevoli da parte di malintenzionati in rete.

Come migliora la vostra sicurezza con l'autenticazione a due fattori
Tutti i vantaggi dell’autenticazione a due fattori – Tecnozoom.it

In parole povere, questo sistema è studiato per far sì che hacker e cybercriminali non possano avere accesso ai nostri account personali solamente con l’email e la password di login. Questo perché, anche se inseriti correttamente, richiederanno poi un codice aggiuntivo – che solitamente è numerico – da inserire in una pagina apposita e che è valido una volta sola e per qualche minuto.

Ma come fare per avere il tutto? Solitamente tramite il proprio numero di telefono, con un SMS che viene inviato al contatto registrato per far sì che nessun altro possa avere accesso all’account. O anche con un’app di terze parti.

Una soluzione facile e veloce da applicare e che in certi casi potrebbe salvarvi la vita. Vi consigliamo di attivarla subito in qualsiasi contesto possibile e ogni volta che vi viene data la possibilità. Ad oggi tutti i principali social come Facebook, Instagram e Twitter dispongono della funzionalità, così come le piattaforme di messaggistica tra cui WhatsApp e Telegram. Andando nelle Impostazioni troverete la sezione dedicata, completate la configurazione ed il gioco è fatto.

Impostazioni privacy