Trasferirsi all’estero? Quali sono le città con l’affitto più basso

Nel cambio di paese, uno degli aspetti preliminari da valutare sia quello di trovare dove vivere. Ecco dove gli affitti costano meno.

Negli ultimi anni, sempre più persone stanno considerando l’idea di trasferirsi all’estero in cerca di nuove opportunità, esperienze culturali e un cambio di prospettiva nella vita. Questa crescente tendenza riflette una società sempre più interconnessa e aperta al concetto di mobilità globale. Ma prima di trasferirsi all’estero, ci sono diverse cose che dovremmo sapere. Per esempio, quali sono le città dove gli affitti delle case sono più accessibili. 

Trasferirsi all'estero
Sempre più persone valutano l’idea di trasferirsi all’estero – (tecnozoom.it)

Molti individui intraprendenti vedono nel trasferirsi all’estero un modo per accedere a opportunità professionali al di là dei confini nazionali. Lavorare in un ambiente internazionale non solo amplia le prospettive di carriera, ma può anche offrire un’esperienza lavorativa arricchente e stimolante. Settori come la tecnologia, la finanza e la ricerca scientifica sono spesso un richiamo per chi desidera espandere il proprio bagaglio professionale.

Il desiderio di immergersi in una nuova cultura, imparare una nuova lingua e sperimentare stili di vita diversi è un altro motivo che spinge molte persone a prendere in considerazione il trasferimento all’estero. Vivere in un paese straniero non solo apre le porte a nuove tradizioni e usanze, ma contribuisce anche a sviluppare una mentalità aperta e tollerante.

Tuttavia, questo entusiasmo per l’espatrio non è privo di sfide. Lontano dalla famiglia e dagli amici di lunga data, i trasferimenti internazionali possono portare a sentimenti di solitudine e nostalgia. Adattarsi a nuove norme sociali e ambienti può essere un processo impegnativo, richiedendo una buona dose di flessibilità e resilienza. Non solo. Prima di fare un passo del genere, occorre essere correttamente informati su vari aspetti, per non fare un salto nel buio. Per esempio, fondamentale è sapere quali siano le città dove gli affitti delle case sono più bassi. Eccole.

Le città estere dove gli affitti sono più bassi

Per coloro che intraprendono questa avventura, è importante considerare gli aspetti a lungo termine del trasferirsi all’estero. Le questioni legate al sistema sanitario, all’istruzione per i figli e alla stabilità economica richiedono una pianificazione attenta. Inoltre, la questione della cittadinanza e dei visti può diventare un elemento cruciale nella decisione di stabilirsi permanentemente in un paese straniero.

Praga, affitti bassi
Praga, tra le città estere dove gli affitti sono più bassi – (tecnozoom.it)

La decisione di trasferirsi all’estero è un viaggio unico e personale. Un espatrio ben ponderato e preparato può essere il trampolino di lancio verso una vita arricchente e appagante. E, allora, ci sembra utile dirvi quali siano le città straniere dove gli affitti sono più bassi, dato che, nel cambio di paese, uno degli aspetti preliminari da valutare sia quello di trovare dove vivere.

Il sito web Travel Continuously ha stilato una che indica quali sono le città più convenienti in cui trasferirsi sulla base della economicità, soprattutto con riferimento agli affitti. Al primo posto la città europea in assoluto più economica in cui vivere è Cracovia, in Polonia: qui una casa costa dieci volte in meno rispetto a Parigi e la città offre tanto a livello di cultura, divertimento e vita notturna.

Al secondo posto c’è Tallinn in Estonia, al terzo posto Riga, in Estonia. Nella top ten figurano poi Lisbona, in Portogallo (non a caso si stanno trasferendo molti pensionati), Praga, in Repubblica Ceca, Bucarest in Romania, Lubiana in Slovenia, Tbilisi in Georgia, Istanbul in Turchia. Altri Paesi in cui le case costano meno sono il Montenegro, la Slovacchia, la Bulgaria e la Grecia. In alcune di queste città un appartamento in affitto può costare anche solamente 350 euro al mese.

Impostazioni privacy