Ultime 2 rate per il reddito di cittadinanza: il messaggio INPS che specifica come fare domanda

L’Inps tramite un messaggio ha specificato come fare domanda per le ultime 2 rate del reddito di cittadinanza: ecco cosa sapere.

La corsa del reddito di cittadinanza si sta avviando verso la sua conclusione, così da permettere il lancio dell’Assegno di inclusione nel 2024. La misura sancita dal Movimento 5 Stelle si concluderà a dicembre ma l’Inps ha voluto nuovamente fornire delle indicazioni in merito alla domanda per le ultime 2 rate.

Reddito di cittadinanza messaggio INPS domanda
L’Inps spiega come fare domanda per le ultime 2 rate del reddito di cittadinanza – (Tecnozoom.it)

Durante tutto il 2023 sono state più volte fornite delle indicazioni in merito a come affrontare l’ultimo anno della misura di sostegno. In prima battuta, c’è chi ha potuto continuare a riceverlo per 7 mesi e chi invece ha dovuto dire addio al sussidio. In merito alle ultime 2 rate, l’Inps ha diffuso un messaggio lo scorso 24 novembre in cui ricorda come fare domanda e quali sono i termini ultimi da ricordare così da avere una gestione tranquilla della misura nei suoi ultimi mesi di vita.

Come fare domanda per le ultime 2 rate del reddito di cittadinanza: la comunicazione dell’Inps

I cittadini che stanno continuano a ricevere la misura fruiranno del beneficio fino al 31 dicembre 2023, anche nel caso in cui non siano trascorse le 18 mensilità previste dalla normativa. Questo è il quadro emerso nel messaggio numero 2896 del 7 agosto 2023. Nell’ultima comunicazione Inps, l’Istituto ha ricordato ai beneficiari che il quadro resta invariato con lo stop confermato per fine anno.

Come fare domanda reddito di cittadinanza
Le indicazioni fornite dall’Inps – (Tecnozoom.it)

Avvicinandosi all’addio definitivo l’Istituto ricorda che la domanda per le ultime 2 rate è possibile fino e non oltre il 30 novembre 2023. Dal giorno seguente, l’Inps non accoglierà alcuna istanza in merito al reddito di cittadinanza.

La domanda può essere effettuata online tramite il portale dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale oppure attraverso intermediari e patronati. Anche in quest’ultimo caso la domanda deve essere eseguita entro il 30 novembre ma può essere trasmessa dagli intermediari fino al 20 dicembre 2023.

Il termine ultimo per i percettori non cambia ma si dà un po’ di tempo in più al patronato o al Caf per trasmettere le istanze dei cittadini che si sono affidati a loro. La scadenza del 30 novembre riguarda anche la comunicazione da parte dei servizi sociali dell’eventuale presa in carico delle famiglie che terminano la fruizione alla settima mensilità.

Sul versante dell’erogazione del beneficio bisogna ricordare 2 date: la prima è il 15 dicembre 2023 con il versamento della rata di novembre; la seconda è il 27 dicembre 2023 con la rata del mese corrente.

Impostazioni privacy