Bonus auto fino a 4.000 euro con e senza rottamazione: partono da gennaio 2024, ma conviene prenotarlo prima

Bonus auto 2024: approfitta delle agevolazioni statali per guidare con stile nel rispetto dell’ambiente.

Si riaccende la corsa verde delle auto grazie a un cospicuo investimento di ben 600 milioni di euro. Questa iniezione di fondi statali è pensata per incentivare l’adozione di veicoli eco-sostenibili, dalla categoria M1 (auto elettriche, ibride plug-in e tradizionali a benzina e diesel), alle categorie L1e-L7e (motocicli e ciclomotori) e N1-N2 (veicoli commerciali).

600 milioni di euro per trasformare le strade italiane
Bonus auto: tutti i benefici dell’ecobonus 2024 – Tecnozoom.it

Il tanto atteso eco-bonus per le auto sfiora quota 570 milioni di euro, pronto a regalare sconti su auto e moto nuove o usate del 2024, senza tralasciare chi si occupa di piccole trasportazioni, che sia per proprio conto o per conto terzi. Nel prossimo gennaio, i concessionari potranno già prenotare le agevolazioni attraverso la consolidata piattaforma ecobonus.mise.gov.it.

L’ecobonus per un’auto elettrica parte da 3.000 a 5.000 euro con la rottamazione di un veicolo Euro 4 posseduto per almeno un anno. Per le ibride plug-in, gli sconti variano da 2.000 a 4.000 euro, mentre per le auto tradizionali si arriva a uno sconto di 2.000 euro.

Limiti di prezzo e sconti per categoria

I prezzi massimi di listino (IVA esclusa) variano a seconda della categoria di emissioni:

  • 0-20 g/km: 35.000 euro (42.700 IVA compresa)
  • 21-60 g/km: 45.000 euro (54.900 IVA compresa)
  • 61-135 g/km: 35.000 euro (42.700 IVA compresa)
  • Sono esclusi l’Ipt (Imposta provinciale di trascrizione) e il contributo Pfu (Pneumatici fuori uso).
Tutti i benefici dell'ecobonus 2024
Come ottenere sconti per auto ecosostenibili nel 2024 – Tecnozoom.it

Le risorse sono distribuite in base alle categorie di veicoli:

  • 205 milioni per veicoli elettrici (0-20 g/km)
  • 245 milioni per ibridi plug-in (21-60 g/km)
  • 120 milioni per veicoli a basse emissioni (61-135 g/km)
  • Il 5% è riservato agli acquisti da parte di persone giuridiche per attività di car sharing commerciale o noleggio.

La rottamazione è obbligatoria solo per veicoli a motore termico e ibridi con emissioni tra 61 e 135 g/km. La vettura da rottamare deve essere di classe Euro 0, 1, 2, 3 o 4 e intestata all’acquirente della nuova vettura (o suo familiare convivente) da almeno 12 mesi, salendo a 24 mesi per il car sharing pubblico.

L’auto acquistata con gli incentivi statali deve essere immatricolata entro 180 giorni dalla prenotazione del bonus in concessionaria, con l’inserimento della targa sulla pratica web entro tale termine. In caso contrario, l’ecobonus verrà perso. Al momento, molti dei fondi del 2023 dedicati alle auto a bassissimo impatto sono ancora disponibili, con una situazione confermata a metà novembre.

Per veicoli diversi, gli incentivi includono:

  • 40 milioni per wallbox e colonne di ricarica elettrica private e condominiali
  • 40 milioni per moto e ciclomotori elettrici e termici
  • 20 milioni per veicoli commerciali N1 e N2 elettrici

Anche in questi casi, vengono confermati i criteri di erogazione del bonus del 2023.

Impostazioni privacy