Navigare su Internet in incognito è davvero sicuro? La risposta ti farà paura: azienda software svela la verità

Ecco cosa dovete sapere sulla navigazione in incognito su internet. La risposta dell’azienda software mette paura agli utenti.

Praticamente tutti i browser disponibili sul mercato che permettono di navigare in rete offrono due possibili modalità di fruizione dei servizi. Ossia la navigazione pubblica, con tutti i dati di ricerca e la cronologia che vengono salvati, e quella privata. Un sistema che dà la possibilità di non dover salvare nulla di ciò che viene fatto e dei siti che vengono aperti.

Navigare in incognito non è così sicuro come sembra
Ecco cosa sapere sulla modalità in incognito dei browser – Tecnozoom.it

Molti pensano che questa seconda opzione sia la più sicura in assoluto se si vuole navigare in anonimo ed essere sicuri che nessuna informazione personale venga salvata e rimanga all’interno del dispositivo. Ma siamo davvero certi sia così? A fornirci un quadro più chiaro e completo del suo funzionamento ci ha pensato un’azienda software, con la sua risposta che potrebbe spaventarvi. Ecco che cosa dovete sapere a riguardo.

Navigare su internet in incognito, ecco quanto è sicuro secondo l’azienda software

Dopo aver scoperto queste informazioni, potreste pensarci due volte prima di decidere di navigare con la modalità in incognito per far sì che i vostri dati non vengano salvati e rimangano visibili. Una nota azienda software infatti ha deciso di fornire una risposta piuttosto esplicativa per risolvere ogni dubbio sollevato dagli utenti in questi anni. E probabilmente avete sempre sbagliato, la rivelazione è scioccante.

Un'azienda software ha sciolto i dubbi sulla modalità in incognito
Tutta la verità sulla navigazione in incognito dei browser – Tecnozoom.it

A parlarne è stata AVG, una realtà del settore che mette a disposizione un Secure Browser con un livello di sicurezza superiore garantito anche dalla VPN. Secondo le loro parole, l’opzione di navigazione in questione dà la possibilità agli utenti sì di scambiare dati senza che vengano archiviati, ma anche di doversela vedere con alcuni aspetti secondari.

Stando a quanto si legge nella pagina di supporto, infatti, tutti i dati come cookie, tracker e cronologia possono essere archiviati da parte di altre aziende su cui si naviga. La modalità in incognito è sicura dal punto di vista della sede locale, ma non dai server dei vari provider e portali che si visitano. Inoltre, queste realtà potranno accedere in ogni momento anche al vostro IP e alla posizione, e allo stesso tempo gli hacker potrebbero ottenere informazioni per i loro scopi.

Ecco perché è bene munirsi di ogni sistema di sicurezza disponibile online, che sia una semplice VPN o anche un antivirus. Stando ben attenti a ciò che si va a fare in rete e a non sentirsi completamente immuni se si ha la modalità privata del browser attiva.

Impostazioni privacy