“Svapo”: la moda del momento nasconde segreti di cui nessuno ti parla, nemmeno chi te lo vende

In tanti, anche per smettere di fumare, si sono convertiti allo svapo. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla moda del momento

Se un tempo, pur essendo nocivo per la nostra salute, fumare poteva essere visto come un gesto affascinante, forse anche sexy, oggi la moda del momento è “svapare”. Siamo sicuri che lo conosciate, in tanti, di questi tempi portano il fidato “Svapo” in giro e danno di tanto in tanto una aspirata. Ma c’è qualcosa che non ci dicono su questo marchingegno. 

Svapo, segreti
Quello che non ci dicono sullo svapo – (tecnozoom.it)

Come è chiaro, non parliamo di sigarette elettroniche. Il dispositivo riscalda il liquido, contenente nicotina e/o altri prodotti chimici, trasformandolo in un vapore che può essere inalato. Possono assomigliare a sigarette, penne e altri oggetti. Negli ultimi anni abbiamo assistito a un vero e proprio boom, soprattutto presso i più giovani. Anche grazie a abili campagne di marketing, tra il 2018 e il 2019, la percentuale di studenti delle scuole superiori che hanno riferito di svapare negli ultimi 30 giorni è passata dal 20% al 28%. Per gli studenti delle scuole medie la percentuale è salita dal 5% all’11%.

La nicotina crea estremamente dipendenza e le sigarette elettroniche ne forniscono molta: una capsula di liquido contiene l’equivalente di nicotina di un intero pacchetto di sigarette. In tanti, allora, si sono convertiti in questi anni allo svapo. Lo svapo non è attualmente approvato come aiuto per smettere di fumare. Tuttavia, gli studi clinici hanno dimostrato che le sigarette elettroniche possono essere uno strumento importante per raggiungere questo obiettivo e, in alcuni casi, potrebbero essere efficaci quanto la terapia sostitutiva della nicotina .

Svapo: quali le possibili controindicazioni?

I componenti del dispositivo includono una cartuccia di liquido contenente una sostanza (che di solito non è nicotina), una camera in cui il liquido viene vaporizzato e una batteria ricaricabile. Quello che non tutti sanno è anche lo svapo crea dipendenza. Proprio come le sigarette convenzionali.

Svapo, controindicazioni
Quali possibili controindicazioni per lo svapo? – (tecnozoom.it)

Va detto, comunque, che l’aerosol contenuto nelle sigarette elettroniche contiene molte meno sostanze chimiche pericolose rispetto alle 7.000 presenti nelle sigarette normali. Ma il vapore non è completamente sicuro. Contiene aromi spesso costituiti dal diacetile chimico, che è stato collegato a malattie polmonari. L’aerosol include anche particelle di composti organici nocivi e metalli come nichel, stagno e piombo.

Nella primavera del 2019 hanno cominciato a emergere misteriosi casi di malattie respiratorie tra adolescenti e adulti che utilizzavano sigarette elettroniche. Era un enigma per la comunità medica, che arrivò a chiamarla lesione polmonare associata all’uso di prodotti da svapo. 68 persone morirono. Sebbene questa malattia debba essere presa molto sul serio, è anche importante notare che è molto rara, poiché più di 40 milioni di persone in tutto il mondo usano la sigaretta elettronica.

Impostazioni privacy