No-buy list: come si prepara e cosa si elimina per risparmiare qualche euro

Conosci la “no-buy list”? Ecco come si prepara e cosa si deve eliminare per poter risparmiare denaro a fine mese: provala subito!

Negli ultimi anni la crisi economica, in Italia, è aumentata sempre più. L’aumento del prezzo dei generi alimentari di prima necessità, delle bollette di luce e gas, hanno gettato gli italiani nello sconforto più totale. Un aumento incredibile delle spese, per uno stipendio remunerato sempre uguale. Ed è proprio in questo periodo di forte crisi economica che tutti hanno cercato, ed ideato, diversi metodi per poter risparmiare anche un solo centesimo a fine mese.

ideare no-buy list
Perché ideare una ‘no-buy list’ – TecnoZoom.it

Uno di questi è sicuramente la “no-buy list” che si sta diffondendo velocemente soprattutto tra i giovani. Di cosa si tratta, come si prepara e soprattutto cosa bisogna eliminare? Vediamo insieme, di seguito, la risposta a tutte queste domande. In questo modo riuscirete a risparmiare un bel po’ di denaro a fine mese.

Metti in pratica la “no-buy list” e vedrai che risparmi!

Risparmiare è la parola più pronunciata e sentita nell’ultimo periodo. Infatti non c’è persona che non abbia applicato, almeno una volta in questi anni, un metodo perfetto per poter risparmiare un po’ di denaro a fine mese. Ebbene, negli ultimi mesi va di moda un nuovo metodo di risparmio: la “no-buy list”. Quest’ultima serve principalmente per lo shopping, limitando in questo modo i nostri acquisti solo a ciò che realmente è necessario, eliminando il superfluo.

Molte persone, dopo un intero mese lavorativo, hanno bisogno di dedicarsi qualche coccola e tendono a fare molto shopping online o nei negozi, acquistando, per noia o per curiosità, anche oggetti che non metteranno mai e che lasceranno, per anni e stagioni intere nell’armadio.

scopo no-by list
Lo scopo principale della no-by list – TecnoZoom.it

La “no-buy listserve proprio ad evitare che tutto ciò accada. Come si può vedere dal nome stesso, quest’ultima viene stilata dal diretto interessato per evitare di acquistare oggetti inutili. Ovviamente ogni lista è personale e varia a seconda delle proprie esigenze e dei propri gusti personali. Sappiamo bene che ognuno di noi ha un’ossessione e tende ad acquistare sempre quella: make up, borse, scarpe, gioielli e così via. Pertanto, se ad esempio amiamo indossare vestiti stretti che risaltano la nostra figura, essendo esili e bassine, perché ci ostiniamo ad acquistare capi oversize che non indosseremo mai?

Ecco, questa potrebbe essere una cosa da mettere sulla “no-buy list”. Ma ovviamente ve ne sono tante altre! Con questo metodo, effettuato ogni mese (perché si può sempre modificare aggiungendo o sottraendo oggetti dal suo interno), abbiamo la possibilità di fare un calcolo su quanto spendere ogni volta e soprattutto su quanto si può risparmiare a fine mese.

Impostazioni privacy