Apple, brutta notizia per gli utenti: così diventa davvero difficile

Arrivano nuovi guai per Apple all’orizzonte dopo un fine 2023 complesse. Scopriamo un’altra brutta notizia per gli utenti della Mela più famosa al mondo.

Se sarà davvero la lunga mano di fine 2023, lo scopriremo soltanto vivendo. Certo è che il periodo di forti criticità da parte di Apple, continua. Prima il rilascio dei nuovi iPhone, mai così complesso come gli ultimi Melafonini, afflitti dal problema del surriscaldamento anomalo, dovuto peraltro dal sistema operativo di Apple stesso, iOS 17.

Apple, brutta notizia per gli utenti
Apple, un moment tutt’altro che magic – tecnozoom.it

Poi i misteriosi spegnimenti notturni che hanno colpito svariati iPhone come evidenziato da tantissimi utenti su Reddit, risolti con un altro update ma che ha portato all’attenzione problemi sulla batteria e la sua durata notevolmente ridotta, fino ad arrivare alla mancata connettività di molti provider di rete, sempre rivelati da tanti utenti.

Tutti problemi risolvibili, per carità. Ma in tema di Intelligenza Artificiale, Apple è indietro rispetto a Google e sicuramente anche nei confronti di Samsung, già pronta a uscire con le sue funzionalità di AI. Come se non bastasse, ecco all’orizzonte una nuova problematica per il colosso di Cupertino, subito in apertura di 2024.

Apple, iPad nella bufera. Cosa sta accadendo e cosa rischiano gli utenti-clienti

Il 2023 appena finito negli annali e in un angolo della memoria ha confermato un dato che tutti si aspettavano ma che fa comunque un certo effetto: da Apple non è stato rilasciato nessun iPad. Lo sapevano in tanti? Vero. Come altrettanto oggettivo che per la prima volta è stata fatta da Cupertino una scelta simile. Mai accaduto dal 2010, anno dello sbarco nel mondo intero.

Apple, così diventa davvero difficile
Apple, l’ultimo iPad: era il 2022 – foto fonte apple.com – tecnozoom.it

La brutta notizia per gli utenti-clienti è che da fonti coreane si apprende che la strategia da Cupertino sarà molto aggressive nel 2024. Aggressive nel senso che i prossimi l’iPad torneranno a uscire, sì, ma con dei cambiamenti che se da un lato puntano sulla qualità, dall’altro ipotizzano delle autentiche bastonate per i consumatori, come sostiene il nuovo report pubblicato dall’account “yeux1122”, direttamente sul blog di Naver. Tutto parte dal fatto che da Cupertino hanno intenzione di puntare su pannelli OLED, bellissimi, ma molto più costosi dei LED attualmente utilizzati negli ultimi iPad di Apple.

Bellissimo sapere che le specifiche potrebbero portare un miglioramento pari, sempre secondo il report, 1,5 a 2 volte rispetto all’AMOLED esistente. Strepitoso sapere che Apple voglia migliorare rapporto di contrasto, luminosità e prestazioni di oltre il doppio rispetto allo stesso consumo energetico. Ma tutto ciò non può giustificare un aumento dell’80%, ipotizzato dai coreani. Se tutto venisse confermato, vorrebbe dire circa 1500 dollari per la versione standard fino ad arrivare a 2000 circa per la versione Pro. La domanda nasce spontanea: ne vale la pena?

Impostazioni privacy