Auto elettriche, una semplice soluzioni per risolvere i problemi in inverno (e che i proprietari vorrebbero integrata)

In inverno le auto elettriche devono solitamente affrontare un grande problema: una nuova invenzione potrebbe finalmente risolverlo.

Le auto a zero emissioni sono senza dubbio i mezzi di trasporto più richiesti in assoluto, poiché permettono al proprietario di risparmiare sul tradizionale carburante e di non inquinare l’ambiente. Ciononostante, sono ancora presenti innumerevoli problemi legati alla mobilità sostenibile, alcuni dei quali riguardano l’autonomia, la longevità e lo smaltimento delle batterie. Queste ultime sono infatti realizzate con dei metalli rari, come ad esempio il litio, il cobalto, il nichel, e il manganese. Si tratta perciò di materiali estremamente costosi, soprattutto perché sono molto rari.

Problema invernale delle auto elettriche
Soluzione ad un consueto problema – (Tecnozoom.it)

Un altro problema da non sottovalutare è lo smaltimento delle batterie, questi dispositivi contengono purtroppo sostanze tossiche. I proprietari delle auto elettriche sono inoltre costretti a sopportare anche i consueti problemi invernali, causati ovviamente dal freddo.

L’invenzione che risolve il problema invernale

La stagione invernale può naturalmente generare innumerevoli problemi alle automobili, in particolar modo ai veicoli a zero emissioni. Le basse temperature possono infatti alterare le prestazioni delle batterie delle automobili elettriche, occorrerebbe perciò un dispositivo capace di attingere calore dall’esterno. Sulla Terra ci sono tantissime zone in cui il freddo è particolarmente pungente, come ad esempio nei paesi settentrionali dell’America o dell’Europa. Talvolta, intere località vengono letteralmente coperte dalla neve, dopo una fortissima tempesta gelida.

Problema invernale delle auto elettriche
Auto elettrica – (Tecnozoom.it)

Come riescono allora a sopravvivere le vetture dotate di motori elettrici? I proprietari di veicoli a zero emissioni, che vivono in ambienti freddissimi, hanno costantemente problemi con la batteria. I telegiornali americani hanno recentemente mostrato delle Tesla in panne a Chicago, mentre lottavano tenacemente contro le bassissime temperature. Queste ultime riescono addirittura a scaricare le batterie dei veicoli elettrici, i conducenti sono pertanto costretti a rimanere senza un’automobile funzionante.

In modo particolare, il freddo influenzerebbe il corretto spostamento degli ioni di litio presenti nei dispositivi. Un altro fattore che determina il mal funzionamento della batteria è il consumo eccessivo di energia. In inverno il riscaldamento è solitamente sempre acceso, e questo riduce ovviamente il quantitativo di elettricità immagazzinata. Come potrebbe essere risolto allora il problema del freddo? Alcune aziende hanno progettato un sistema unico al mondo, che potrebbe migliorare la vita delle automobili elettriche nelle zone gelide.

Si tratta di una speciale pompa di calore, che aumenterebbe la temperatura interna del veicolo attingendo calore dall’ambiente. In altre parole, anziché sfruttare l’energia elettrica della batteria per produrre calore, il nuovo sistema sarebbe in grado di trovare il caldo anche negli ambienti più freddi.

Queste meravigliose pompe di calore vengono utilizzate anche in alcune abitazioni, riescono infatti a prelevare il calore dall’aria o dall’acqua e a portarlo in casa. Il medesimo sistema verrebbe quindi applicato alle automobili elettriche, per aumentare la temperatura dell’abitacolo e delle batterie. In questo caso il calore verrebbe attinto dai vari dispositivi presenti in circolazione, come ad esempio il computer di bordo, il motore e tanti altri apparecchi che emanano calore.

Impostazioni privacy