“Allarme terremoto…”: occhio alla truffa che copia IT-Alert, vi rubano davvero tutto

Nelle ultime settimane sta circolando una truffa che sfrutta It-Alert facendo leva sulla paura delle persone. Scopriamo cosa dice il messaggio e perché non aprirlo.

Con l’evolversi della tecnologia, anche i malintenzionati tengono il passo. Ora arriva una nuova forma di pishing che coinvolge addirittura il sistema di allarme pubblico nazionale It-Alert. Ma che cosa è il pishing e perché dobbiamo cercare di non cascarci? Esso è un tipo di truffa che sfrutta la rete internet e permette ai truffatori di ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali, dati finanziari o codici di accesso. Per farlo si finge un ente affidabile in una comunicazione digitale, che sia una email o un messaggio.

Pishing, la truffa che usa It-Alert
Pishing, cosa è e cosa fa- Tecnozoom.it

L’ultima trovata è quella di fingersi il Servizio Nazionale per la Protezione Civile spacciandosi per It-Alert. Lo Stato infatti ha creato questo sistema di allarme pubblico per comunicare in modo più rapido con la popolazione in caso di gravi emergenze o catastrofi imminenti o in corso come un’esplosione nucleare. Il sistema è in fase sperimentale e in questi mesi abbiamo ricevuto sul nostro cellulare un messaggio di prova, con un suono molto acuto, che serviva appunto a testarne il funzionamento.

La truffa su It-Alert

Nelle ultime settimane però sempre più persone non hanno ricevuto una semplice notifica da It-Alert ma un messaggio che invitava a scaricare un link. Niente di più falso. Questa è infatti una truffa che cerca si sfruttare la paura delle persone e le spinge con un semplice gesto a consegnare tutti i propri dati. Il consiglio quindi è quello di fare sempre attenzione e valutare bene cosa ci arriva per non incorrere in questo tipo di truffe.

Il messaggio vero che manda It-Alert
It-Alert, il messaggio da cliccare e quello da non cliccare – Screen video It-Alert- tecnozoom.it

In particolare, alcuni utenti Android, hanno ricevuto un messaggio in cui c’era scritto: “A causa della possibile eruzione di un vulcano potrebbe verificarsi un terremoto nazionale. Scarica l’app per tenere d’occhio se la regione potrebbe essere colpita”. Un testo che sfrutta la paura crescente della popolazione soprattutto che vive nella zona dei Campi Flegrei e del Vesuvio.

Una volta cliccato sul link però, l’ignara vittima scarica un file (“IT- Alert.apk”) che installa sul dispositivo un malware noto come “SpyNote”. Questo malware è in grado non solo di rubare le password ma anche di accedere a informazioni bancarie e spostare somme di denaro. Occhio quindi perché una semplice distrazione può svuotarvi il conto. Anche la Protezione Civile ha messo in guardia sulla truffa che sfrutta It-Alert, se vi arriva un messaggio non apritelo.

Impostazioni privacy